L’ “Idea2.0”

Il documento “Idea 2.0” descrive l’idea di innovazione relativamente all’ambiente di apprendimento che si intende realizzare nella classe. Tale documento è stato oggetto di valutazione da parte del MIUR  della candidatura della nostra scuola.

ANALISI DEL CONTESTO

La Riforma chiede ai docenti di individuare nelle singole discipline segmenti trasversali multidisciplinari nella definizione delle competenze in uscita della figura professionale di indirizzo (DPR 15/3/2010 n88). Ciò comporta un rinnovamento della didattica che potenzi l’uso dei laboratori sin dal biennio e non solo nel triennio, come di norma accade; si vedano ad esempio le collaborazioni con il Comune di Terni in progetti finalizzati al miglioramento della qualità urbana. Il potenziamento della didattica laboratoriale nel biennio deve avvenire attraverso l’introduzione delle TIC nella didattica ordinaria, modificandola dal punto di vista strumentale e contenutistico. L’uso delle TIC consentirà anche di migliorare le abilità cognitive di base degli alunni affetti da DSA riducendone lo svantaggio nell’apprendimento.

OBIETTIVI

– Trasformare l’ambiente di apprendimento per motivare i ragazzi allo studio

– Promuovere un processo di apprendimento autoregolato, il contenuto del quale sia significativo per gli studenti

– Costruire un curriculum basato sulla centralità dei nuclei fondanti l’epistemologia delle discipline in chiave multidisciplinare

– Abituare gli studenti a ricercare e collegare informazioni provenienti da aree disciplinari e fonti diverse ai fini della loro presentazione e diffusione (imparare ad imparare)

– Potenziare abilità sociali di studenti e collaborative di docenti

– Rendere misurabili e duraturi i cambiamenti nella didattica dovuti all’introduzione delle TIC

METODI

– Lezioni tramite LIM su temi pluridisciplinari (Paesaggio: interazione uomo ambiente/evoluzione territorio/storia insediamenti/geometrie del paesaggio) facendo uso delle strategie metacognitive della didattica per concetti

– Cooperative learning per il recupero di soggetti con svantaggio di apprendimento

– Collaborazione con Agenzie esterne

– Uso di software didattici anche attraverso l’utilizzo di piattaforme di scuole europee

– Simulazioni tramite giochi, costruzione di prodotti; strumenti di verifica per contenuti e percorsi dal sapere al saper fare

– Problem solving per verificare competenze

– Studio di casi, anche in collaborazione con Agenzie esterne

– Esercizi interattivi

– Creazione di mappe concettuali, prodotti multimediali tematici, filmati

– Lettura di e-book

IL RUOLO DELLA TECNOLOGIA

– Indagare i saperi disciplinari coinvolgendo più livelli di percezione.

– Favorire il lavoro di gruppo incentivando l’integrazione.

– Vivere la classe come laboratorio di apprendimento per rafforzare memoria semantica ed eidetica.

– Ottimizzare l’operatività del nostro Indirizzo Tecnico con un buon livello d’uso delle TIC e il contesto educativo con l’apertura a collaborazioni esterne.

– Sperimentare nuovi criteri di valutazione, applicabili a: processo e prodotto, capacità di interagire in gruppo e apporto individuale, ricchezza dei contenuti, qualità della forma comunicativa.

– Potenziare l’apprendimento per accrescimento, valorizzando la transdisciplinarietà, rafforzando anche i saperi delle singole discipline.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in documento. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...